Lunedi, 8 agosto 2022
Regione Toscana

Telemarketing: disponibile online il modulo per fare reclamo

Oggi rispondiamo ad alcune segnalazioni di persone che continuano a ricevere telefonate promozionali nonostante l’iscrizione al registro delle opposizioni.

E’ una questione piuttosto complicata. Il registro delle opposizioni è uno strumento creato nel 2011 dal Ministero dello Sviluppo economico per cercare di mettere un freno al cosiddetto telemarketing, la pubblicità delle varie aziende che chiamano sul telefono di casa per fare le loro offerte. E' stato introdotto col D.P.R. 178 del 2010.

E’ un servizio al quale bisogna iscriversi e lo possono fare tutti gli abbonati che hanno il numero inserito negli elenchi telefonici (Pagine bianche e pagine gialle).

Ci si può iscrivere per telefono (numero verde 800.265265), fax (06.54224822) e-mail (abbonati.rpo@fub.it) o raccomandata con ricevuta di ritorno (indirizzata a “Gestore del registro pubblico delle opposizioni - abbonati”, Ufficio Roma Nomentano – Casella postale 7211 – 00162 ROMA).

Tutte le informazioni e i moduli si trovano sul sito, ma chi non ha il computer può comunque scrivere su un foglio qualsiasi i propri dati anagrafici (nome, cognome e codice fiscale), il numero di telefono specificando la richiesta “Iscrizione”, e la fotocopia di un documento d’identità.

Trascorsi 15 giorni dalla registrazione si entra a far parte degli “scudati” e a quel punto nessuna azienda o società che utilizzi gli elenchi telefonici come banca dati potrà più chiamarvi.

Non solo, le aziende che utilizzano il telemarketing dovrebbero segnalare al cliente l’esigenza del registro. E per chi sgarra le sanzioni sono davvero salate, dai 10mila ai 120mila euro.

Come mai allora qualcuno continua a ricevere chiamate anche dopo l’iscrizione al registro? Il problema è dato dalla limitazione del registro agli abbonati degli elenchi telefonici. Ma oramai purtroppo i nostri numeri si possono trovare in tanti altri modi. Per esempio, quante volte si firmano distrattamente dei moduli dove c’è scritto che si acconsente a essere richiamati a scopi pubblicitari. Bene, se l’azienda non prende i numeri dall’elenco del telefono ma da queste liste, saremo ancora chiamati anche se ci siamo iscritti al registro.

Cosa fare in questi casi? Chi è iscritto al registro può indirizzare direttamente al gestore telefonico responsabile segnalazioni su eventuali chiamate indesiderate. E' la novità messa in campo nei giorni scorsi dal Comitato di Garanzia, organismo preposto all'osservanza del Codice di autoregolamentazione delle attività di telemarketing, sottoscritto dai principali operatori di Tlc e del settore dell'energia. Il form è disponibile sul sito di Asstel.

In alternativa ci si può rivolgere al Garante della Privacy che può applicare multe fino a 300mila euro. In ogni caso, attenzione occhio a firmare promozioni, tessere fedeltà e coupon, anche su internet.