Sabato, 16 ottobre 2021
Regione Toscana

Assistenti digitali (smart assistant): i consigli del Garante per un uso a prova di privacy

L’assistente digitale (o smart assistant) è un programma che interpreta il linguaggio naturale tramite algoritmi di intelligenza artificiale ed è in grado di dialogare con gli esseri umani al fine di soddisfare diversi tipi di richieste (ad esempio: rispondere direttamente a  richieste di informazioni, fare ricerche su Internet, ricercare e indicare percorsi stradali, ecc.) o compiere determinate azioni (ad esempio: fare un acquisto online, regolare la temperatura o l’illuminazione di un’abitazione, chiudere o aprire serrature di case o automobili intelligenti, attivare elettrodomestici come la lavatrice, ecc.).

Questa tecnologia è ormai molto diffusa e viene installata su vari dispositivi (la troviamo nei nostri smartphone, nelle auto, nelle case sotto forma di “altoparlanti intelligenti”).

Gli assistenti digitali possono raccogliere e memorizzare una grande quantità di dati personali - non solo relativi all’utilizzatore diretto, ma a chiunque si trovi nello stesso ambiente - riguardanti, ad esempio:

• scelte, preferenze e abitudini relative a stili di vita, consumi, interessi, ecc.;

• caratteristiche biometriche, come ad esempio quelle della voce e del volto, se dotati di videocamera;

• geolocalizzazione (posizione, percorsi abituali o frequenti, domicilio, indirizzo del posto di lavoro, ecc);

• numero e caratteristiche (età, sesso, ecc.) delle persone che si trovano nell’ambiente in cui operano;

• stati emotivi.

E’ quindi opportuno cercare di fare un uso informato e consapevole di questi strumenti, per tutelare in modo adeguato i nostri dati personali e quelli di tutte le persone che entrano, volontariamente o meno, nel campo di azione degli assistenti digitali.