Mercoledi, 1 dicembre 2021
Regione Toscana

Nel 2020 calano reddito delle famiglie e potere d’acquisto

L’Istat ha diffuso il rapporto sui Conti economici nazionali per il 2020.

A livello macroeconomico, viene confermata la contrazione di entità eccezionale dell’economia nel 2020, con un tasso di variazione del Pil del -8,9% a fronte di un incremento dello 0,4% nel 2019.

Dal lato della domanda, a trascinare la caduta del Pil è stata soprattutto la domanda interna, mentre la domanda estera e la variazione delle scorte hanno fornito contributi negativi molto più limitati.

Dal lato dell’offerta di beni e servizi, si confermano le forti contrazioni del valore aggiunto in agricoltura, nelle attività manifatturiere ed in alcuni comparti del terziario.

Per quanto riguarda i dati relativi alle famiglie, risulta che il reddito disponibile delle famiglie consumatrici ha segnato nel 2020 una diminuzione del 2,9% in valore e del 2,6% in termini di potere d’acquisto.

La contestuale marcata diminuzione dei consumi privati (-11,0%), ha generato una crescita della propensione al risparmio delle famiglie al 15,6% dall’8,0% del 2019.

Dati che preoccupano le associazioni dei consumatori perché potrebbero portare a ulteriori crolli dei consumi, considerato l’autunno caldo che si prospetta in termini di rincari e le conseguenze che già oggi ci sono per gli aumenti dei carburanti e per il timore del rialzo sulle bollette.