Venerdi, 27 maggio 2022
Regione Toscana

Mercato tutelato dell’energia, slitta lo stop. Regime transitorio fino al 1° gennaio 2024

Slitta la fine del mercato tutelato dell’energia. La scadenza, prevista per il 31 dicembre del 2022, lascia il posto a un regime transitorio in cui i clienti domestici potranno rimanere tutelati fino al 1° gennaio 2024. È la nuova tappa che riguarda il mercato tutelato dell’energia, quello con le tariffe stabilite dall’Arera (Autorità per energia, reti e ambiente) il cui stop – per il passaggio al mercato libero – viene di nuovo rimandato.

Un emendamento M5S al decreto Recovery fa slittare di nuovo la fine del mercato tutelato dell’energia. Come informa il Corriere della Sera, la scadenza del mercato tutelato dell’energia, fissata alla fine del 2022, e il passaggio al mercato libero dal 1° gennaio 2023, lascia ora il posto a un regime transitorio ancora da definire. I consumatori potranno rimanere nel mercato tutelato dell’energia fino al 1° gennaio 2024.

Uno dei problemi che le associazioni dei consumatori hanno spesso sollevato riguarda le distorsioni del mercato libero dell’energia, le pratiche aggressive di “conquista” dei consumatori e la difficoltà per i clienti di comprendere quando un’offerta di energia sia davvero conveniente. Il mercato dell’energia è complesso e non è facile districarsi fra le offerte. È infatti importante capire anche quali siano i propri consumi di energia, per scegliere sul mercato libero le offerte più convenienti per il proprio profilo di consumo.

A volte, col mercato libero, le bollette finiscano per essere anche più alte per i consumatori. Diversa è la valutazione delle aziende, che rivendicano la possibilità di risparmi nel mercato libero. Negli ultimi mesi, poi, gli aumenti record dei prezzi di elettricità e gas hanno inserito un altro elemento di complicazione. Con i rincari sul mercato tutelato diverse stime rivendicano la convenienze delle offerte bloccate sul mercato libero dell’energia. E stimano che il costo dell’uso degli elettrodomestici potrebbe aumentare, complessivamente, di circa il 55% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno e del 30% rispetto al trimestre precedente, per una famiglia rimasta nel Mercato Tutelato. Sono dati che evidenziano già così la complessità del mercato.