Venerdi, 27 maggio 2022
Regione Toscana

Prezzo Rc auto, cala su base annuale ma aumenta sul trimestre

Nel terzo trimestre 2021 il prezzo medio dell’rc auto è di 367 euro, in riduzione del 5,6% su base annua (circa 22 euro in meno). La metà degli assicurati paga meno di 328 euro, il 90% meno di 583 euro e solo il 10% paga meno di 193 euro.

La tendenza alla riduzione dell’rc auto è marcata nel biennio 2020/2021, caratterizzato dalle limitazioni alla circolazione (lo scorso anno col lockdown e le restrizioni) e di conseguenza dalla riduzione degli incidenti. Su base trimestrale, invece, c’è un aumento dell’1,9%.

Sono i principali dati contenuti nel bollettino statistico trimestrale comunicato dall’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni.

Il premio medio diminuisce di circa 22 euro (-5,6 per cento) su base annua ma risulta in lieve aumento su base trimestrale (+1,9 per cento), in linea con la stagionalità osservabile nel terzo trimestre di ogni anno – si legge sul report Ivass – Il prezzo medio si è ridotto di circa 122 euro (-25 per cento) rispetto al terzo trimestre del 2014.

La flessione del premio medio su base annua è molto superiore alla media nazionale a Roma (-8,9 per cento), Vibo Valentia (-8,3 per cento) e Catania (-8,0 per cento).

Il 21,2 per cento delle polizze stipulate nel terzo trimestre del 2021 prevede una clausola con effetti di riduzione del premio legata alla presenza di scatola nera. Il tasso di penetrazione della scatola nera è in riduzione di -2 punti percentuali rispetto al terzo trimestre del 2020.

Continua a ridursi il differenziale di premio fra le macro-aree del paese, soprattutto per la diminuzione del prezzo rc auto nelle aree più costose.

I prezzi risultano ancora fortemente differenziati tra le province. Il differenziale tra Napoli e Aosta, storicamente le province più e meno costose, è di 211 euro (450 contro 239 euro), in riduzione del 7 per cento su base annua.