Mercoledi, 6 luglio 2022
Regione Toscana

Sanità, sale a quasi mille il numero delle prestazioni prenotabili online

Aumenta il numero delle prestazioni sanitarie prenotabili online, sia attraverso il portale regionale che attraverso la app Toscana Salute (disponibile per Android ed iOs). Si tratta di 140 nuove prestazioni che vanno ad aggiungersi alle 847 che già si potevano prenotare per via telematica. Il servizio è accessibile solo per chi ha una ricetta dematerializzata e non include le prestazioni con priorità U (urgente).

Tra le nuove prestazioni aggiunte si trovano prevalentemente quelle di diagnostica per immagini (RM, TC, Ecografie). Giusto per fare qualche esempio, si potranno prenotare la risonanza muscoloscheletrica, la RM encefalo, la TC torace e addome. Ma sono state aggiunte anche delle prime visite quali quella allergologica, la valutazione ginecologica e valutazione endocrinologica. Non solo, sono ora prenotabili online anche alcune endoscopie, tra le quali colonscopia e gastroscopia.

La prenotazione online è possibile se si è in possesso della ricetta medica elettronica (dematerializzata) e non include per le prestazioni con priorità U (urgente), per le quali sono definiti specifici percorsi aziendali di presa in carico. Per prenotare online o sulla APP occorre inserire il proprio codice fiscale ed il numero della ricetta elettronica (NRE) riportato sul promemoria. Il perfezionamento della prenotazione deve avvenire entro 15 minuti, trascorsi i quali lo slot riservato verrà reso di nuovo disponibile. Entro 48 ore dall’appuntamento è possibile disdire. In caso di esami complessi è importante prendere visione delle NOTE DI PREPARAZIONE che appariranno nel promemoria finale. Si ricorda inoltre che non è prenotabile il prelievo per esami ematici, per il quale è disponibile l'altra piattaforma regionale ZeroCode.

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito dedicato dove è consultabile l’elenco completo delle prestazioni prenotabili online ed i numeri dei CUP telefonici delle singole zone.

Cittadini e sanità, i cambiamenti sconosciuti e la sfida del digitale